Musica da Camera: i concerti di marzo


Musica da Camera: i concerti di marzo

Prosegue a pieno ritmo la Stagione di Musica da Camera Promusica, proponendo per il mese di marzo un calendario ricco di appuntamenti intensi e variegati.
Si comincia sabato 3 marzo (Saloncino della Musica, Palazzo de’ Rossi, Pistoia, ore 18) con un concerto interamente dedicato a Tom Jobim (Antonio Carlos Jobim, Rio de Janeiro 1927 – New York 1994) celebre compositore brasiliano, considerato uno degli inventori della bossa nova, genere musicale nato in Brasile negli anni ’50, culturalmente ispirato dalla “rive gauche” francese, e che si caratterizza come un samba suonato in modo minimalista, soffuso, senza particolare enfasi vocale.
Protagonista della serata il Trio Correnteza (Gabriele Mirabassi, clarinetto; Roberto Taufic, chitarra; e Cristina Renzetti, voce). “Correnteza”, che in portoghese significa “corrente del fiume”, è il titolo di un brano di Tom Jobim sulle cui note è avvenuto il primo incontro tra i tre musicisti, profondi conoscitori dell’universo musicale brasiliano. Da questo incontro è nata l’idea di lavorare insieme sul repertorio di uno dei più grandi compositori del ’900. Il concerto prevede, oltre a qualche interpretazione di alcuni classici della bossa nova, per i quali Jobim è conosciuto in tutto il mondo, una serie di arrangiamenti di brani meno noti, ma altrettanto intensi.

La Stagione prosegue sabato 10 marzo (Aula Magna Seminario Vescovile, Pistoia, 21) con il Quartetto di Cremona, la cui storia ha iniziato a intrecciarsi strettamente con la Fondazione Promusica lo scorso settembre con la prima edizione pistoiese di Master4strings, corso di alto perfezionamento tenutosi presso la Scuola di Musica e Danza “T. Mabellini”. Il Quartetto, assieme alla pianista Gloria Campaner, proporrà un programma che alterna le musiche contemporanee di Anton Webern (1883-1945) – uno dei primi allievi di Schönberg e originale promotore della tecnica compositiva della dodecafonia – a quelle di Ottorino Respighi (1879-1936), compositore eclettico con influenze francesi, russe e tedesche, fino alle atmosfere romantiche di Robert Schumann (1810-1856) con il Quintetto con pianoforte di op. 44.

Infine, domenica 18 marzo (Saloncino della Musica, Palazzo de’ Rossi Pistoia, ore 18) appuntamento con uno dei capolavori bachiani: le Variazioni Goldberg. Solista della serata Jean Rondeau, divenuto a soli 21 anni uno dei più giovani interpreti a vincere il Concorso internazionale di clavicembalo di Bruges, ottenendo anche il riconoscimento di giovane musicista più promettente dell’Unione Europea. La serata si concluderà con l’evento A cena con l’artista, durante la quale sarà possibile intrattenersi con il musicista per una cena e una chiacchierata informale.